Luisa Spagnoli, altro oltre la moda

Nascere nel 1877, quasi 150 anni fa, non deve essere stato semplice per nessuno: differenti ritmi di vita, altri livelli socio economici e una diversa condizione della donna, ma Luisa nonostante tutto è ancora oggi un esempio di vita esemplare.

Nasce Sargentini a Perugia e prende il cognome del marito, Spagnoli appunto, solo a 20 anni dopo le nozze e da subito condivide con il coniuge una piccola drogheria in via Alessi dalla quale partono con la prima produzione di confetti. A 30 anni, nel 1907 fonda la Perugina, azienda dolciaria del centro storico della città, che dopo il primo conflitto mondiale conta già su un centinaio di dipendenti grazie alle fortuna che raccoglie il suo prodotto più famoso: inizialmente chiamato “cazzotto” diventerà Bacio in seguito diventando uno dei dolci più famosi del mondo.

Lascia l’azienda per dissidi interni ma il suo spirito imprenditoriale non si ferma: la nuova impresa è l’allevamento di pollame e dei conigli d’angora. Lo scopo non è alimentare questa volta, le nuove mire imprenditoriali di Luisa entrano nel settore dei filati. Gli animali non vengono uccisi e nemmeno tosati, vengono pettinati per ottenere dal loro pelo la lana d’angora, tessuto pregiato per la creazione di scialli, boeri e capi alla moda, nasce così il mito de l’Angora Spagnoli.

L’azienda è in piena crescita quando dopo soli 4 anni a Luisa viene diagnosticato un tumore, ma resta nelle mani del figlio che vedrà sotto la sua gestione la crescita boom post seconda guerra mondiale che diventa oggi un marchio con sedi in tutto il mondo.

Di Luisa si ricordano le iniziative imprenditoriali intraprese a favore dei dipendenti: durante il suo periodo al comando delle varie aziende ha costruito asili nido, piscine e casette a schiera per i dipendenti, organizzando partite di calcio e feste per tutti.

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi essere “BRAVA” anche tu? Iscriviti al progetto e scopri tutte le opportunità
iscriviti al progetto
Privacy Policy
Contact Form








×