Lasciare la città per ricominciare dalla natura

Cosa accomuna Elisabetta, Cinzia, Arianna e Alice? Le loro quattro storie in realtà sono più simili di quanto si possa immaginare e raccontano la passione di quattro giovani donne che hanno lasciato le loro città per intraprendere un nuovo percorso immerse nella natura.

È tra le colline del Chianti Rufina che Elisabetta e il suo compagno Samuele hanno deciso di cambiare vita: una laurea in Economia del Turismo e un vecchio podere di famiglia abbandonato hanno trasformato quello che sembrava solo essere un sogno in realtà. Nel 2010 la ristrutturazione e la volontà di dare nuova vita non solo a un edificio antico ma anche a se stessi. È nato così l’Agriturismo La Fontaccia, da un umile desiderio di realizzare qualcosa di speciale per entrambi in un percorso non privo di difficoltà e sacrifici ma che da a questi due giovani soddisfazioni continue. Ad oggi possono ritenersi parte attiva delle tradizioni e dei valori di famiglia che li hanno sempre guidati a migliorarsi e godere della bellezza della natura che muta continuamente e non cessa mai di stupire. Sebbene staccarsi da Firenze – la loro città natale – sia stato difficile, recuperare l’antico podere e iniziare un nuovo progetto seguendo i principi della bioarchitettura e servendosi della tecnologia per garantire la migliore ospitalità e servizio possibili, oggi non sarebbero più in grado di tornare indietro.

È dalle pendici dell’Etna che invece Cinzia si è lasciata conquistare. Da una semplice passione per la natura e l’agricoltura, che coltivava con il compagno nei fine settimana come fuga dal caos cittadino, è stata gradualmente rapita dalla bellezza del luogo. Bagolarea, in Sicilia, è diventata la loro “area in cui poter sognare, coltivare idee e far crescere progetti”. È così che Cinzia definisce i 24 ettari di colline siciliane in provincia di Catania: ristrutturare le antiche masserie, recuperare un agrumeto, un vigneto, un palmento e realizzare un grande orto è stato il punto di partenza per quella che oggi è diventata un’azienda agricola biologica. Dall’unione con l’innovazione è nato poi il progetto di un e-shop cosicché da ogni parte d’Italia gli utenti possono comprare i prodotti biologici ed eco-friendly che Cinzia preserva e coltiva con forte passione re-imparando dalla natura valori dimenticati.

Ma del saper vivere contadino, dell’agricoltura e della vita all’aria aperta non va dimenticato il difficile e importante ruolo dell’allevamento. Per Arianna, da sempre appassionata di agricoltura e cibo e con un ruolo attivo a Slow Food, con l’attività agricola di Alessandro è stato amore a prima vista. Insieme hanno re-introdotto l’allevamento di un’antica specie di pecore che rischiava l’estinzione. Hanno preservato questo piccolo gioiello situato in Piemonte e lo hanno trasformato da caseificio aziendale in un piccolo agriturismo in cui il principio della vita sana guida ogni progetto: dalla fattoria didattica per i bambini, alla produzione e conservazione del cibo che viene poi consumato sia da loro che dagli ospiti. L’incoscienza in questo viaggio non è mancata, ma ogni errore o passo falso li ha avvicinati alla realizzazione di questa oasi incontaminata in Alta Langa a Mombarcaro.

Che dire invece del coraggio di Alice che a poco più di vent’anni con l’antica malga ereditata dal padre decide di ristrutturare in chiave ecologica? Tutto qui è prodotto in casa, dalle colazioni a base di prodotti tipici come il miele, i formaggi, le marmellate, al loro squisito succo di sambuco. Grazie a una nuova visione dell’agricoltura e dell’allevamento, con grande creatività ed ingegno, è riuscita a ridare prestigio a questa storica attività.

Mettersi in gioco, provare e sbagliare: come per queste quattro donne, la miglior palestra per raggiungere i propri obiettivi è stata inseguire le proprie passioni con coraggio e determinazione, senza lasciarsi intimorire dalle difficoltà, ma apprezzando ogni singola lezione per continuare a migliorarsi ed essere fieri anche delle più piccole vittorie.

photocredit: reggionelweb.it

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi essere “BRAVA” anche tu? Iscriviti al progetto e scopri tutte le opportunità
iscriviti al progetto
Privacy Policy
Contact Form








×