Hackathon: fatti dare un’idea!

Avete mai pensato di affidare ad un gruppo affiatato di tecnici i vostri problemi gestionali o lo sviluppo di idee innovative da adottare nelle vostre strategie? Sempre più aziende e organizzazioni fanno ricorso agli hackathon, ma che cosa sono?

Sono eventi con una durata variabile, da poche ore fino ad una settimana, ai quali partecipano esperti di determinati settori che si riuniscono per realizzare insieme i progetti richiesti. Inizialmente svolti in ambito informatico, seguendo la logica di condivisione hacker, da cui anche la parola, nata dall’unione di hack e marathon, negli anni sono stati utilizzati dalle stesse società per sviluppare rapidamente nuovi software.

Contaminando anche altri ambiti sono diventati sempre più occasioni di formazione didattica e sociale inoltre, essendoci spesso menti giovani all’opera, gli investitori li utilizzano come terreno di caccia in cui trovare idee innovative. In Italia sono eventi frequenti ed è possibile trovarli in ogni settore, dalla moda allo sviluppo di giochi e dal manifatturiero al fintech.

Come sono strutturati?

L’azienda che promuove l’evento presenta il programma e l’argomento su cui verterà la sfida, i partecipanti si riuniscono in gruppi in base agli interessi e alle competenze con i quali lavoreranno per il tempo previsto. A conclusione della fase creativa i partecipanti illustrano i progetti ottenuti e, se previsto dal regolamento, l’azienda valuta i lavori premiando i più meritevoli. 

Per poter sfruttare pienamente l’occasione è necessario pianificare correttamente il tema e lo scopo, per poter presentare ai contendenti brief chiari lasciando sufficiente libertà, con troppe restrizioni è impossibile lasciar spazio alla creatività e trovare quindi l’idea geniale.

In caso emerga un progetto interessante è bene valutare il suo inserimento nella strategia aziendale.

Gli hackathon hanno risvolti positivi sia per l’azienda che per i partecipanti:

  le aziende possono avere in breve tempo e con pochi investimenti la soluzione ad un problema o un’idea di successo (a volte le soluzioni le trovano solo chi vede le cose da una prospettiva esterna)

– i partecipanti potranno mettersi alla prova per testare le loro capacità rispettando la scadenza e avranno la possibilità di vedere realizzato un proprio progetto.

Competizione si, ma non troppa, ed essendo una maratona non possiamo che dire “l’importante non è vincere ma partecipare”.

Image Credit: shutterstock

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi essere “BRAVA” anche tu? Iscriviti al progetto e scopri tutte le opportunità
iscriviti al progetto
Privacy Policy
Contact Form








×