Cosa chiedere ad un colloquio

Che abbiate già avviato il vostro progetto o che esso sia ancora in fase embrionale, spesso arriva un momento in cui ci si rende conto che ciò che manca per poter fare quel salto di qualità sono semplicemente altre persone motivate quanto voi ad intraprendere questo cammino. Molto spesso ci si associa ad altre persone, che diventano socie di un business pensato a tavolino in base alle proprie esigenze, altre volte però è necessario assumere dei dipendenti perché tale business funzioni. Assumere del personale richiede la capacità di sapere guardare oltre, porre le giuste domande e trarre le giuste valutazioni, senza escludere un briciolo di fortuna.

Non solo chi si presenta ad un colloquio deve essere preparato, ma anche chi si ritrova dall’altra parte del tavolo a porre domande ed esaminare i candidati sta portando a termine un compito difficile. Anzitutto la prima cosa da fare, ancor prima di mettersi alla ricerca di dipendenti, è porsi la domanda “di che figura ho bisogno?”, “Cosa deve saper fare per aiutarmi?”, “Con che tipo di persone lavoro meglio?”. Se hai la fortuna di poter scegliere tu direttamente i tuoi dipendenti, hai la possibilità di decidere se per te sono più importanti le competenze o l’affinità lavorativa basata sul carattere del candidato, o tutto un altro insieme di caratteristiche.

Le tipologie di colloquio

Dalla risposta a questa domande ne deriverà anche il tipo di colloquio che il tuo, o i tuoi, candidati andranno a sostenere:

  • Colloquio sotto stress: consiste nel porre numerose e insistenti domande, per testare la forza mentale e la lucidità del candidato. Se è sotto stress inoltre, tenderà a rispondere in maniera impulsiva e quindi più sincera.
  • Colloquio di gruppo:Invece che intervistare singolarmente i tuoi candidati puoi organizzare un’intervista collettiva o farli interagire direttamente tra loro, per osservare reazioni e comportamenti: noterai subito chi ha un comportamento costruito e chi invece è naturale
  • Colloquio comportamentale: invece che porre domande su come ci si comporterebbe in una determinata situazione, poni domande su atteggiamenti che il candidato ha avuto in episodi passati, è un ottimo modo per prevedere reazioni future.

Non dimenticare di fissare un tempo massimo per ciascuna di queste tipologie di colloquio. Il tempo ideale sarebbe di un’ora, in modo da poter avere il tempo di verificare correttamente sia le competenze che le tue impressioni al riguardo. Chiarisciti eventuali dubbi e lascia spazio alle domande che il candidato potrebbe voler porti: è sempre un buon segno ricevere domande più specifiche sulle mansioni che quella professioni va a richiedere o su eventuali dubbi rispetto ai compiti che spettano perché significa che la persona che avete di fronte è interessata a quella posizione. Le sue domande sono un’ulteriore chiarimento e conferma per farvi capire l’interesse verso il vostro business.

Colloquio “alla Google” sì o no?

Il trend in quanto a colloqui, attualmente, sembra essere quello delle “domande fantasiose”, in cui al candidato vengono posti quesiti che esulano dalla professione, per testare la capacità di ragionamento o adattamento alla situazione e verificarne l’onestà. Il consiglio però, se vi ritrovate a gestire piccoli ma ambiziosi progetti è quello di interessarsi concretamente alle competenze del candidato con un’occhio alle sue esperienze passate. Meglio se ad esaminare siete in più di una persona: a volte possono sfuggirvi dettagli interessanti che non avevate notato. Analizzare la situazione sotto un altro punto di vista può aiutarvi a rimediare ad iniziali errori di valutazione.

Ciò che è importante esaminare in ogni caso sono: competenze, motivazioni e la capacità di superare qualsiasi situazione difficile che, sia lavorativamente che personalmente, può aver messo in difficoltà nel corso della vita il candidato. Il mix di questi elementi sarà composto dal tuo candidato ideale, che potrà aiutarti realmente nel tuo progetto imprenditoriale sia nell’immediato che nel lungo periodo.

photocredit: pixabay

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi essere “BRAVA” anche tu? Iscriviti al progetto e scopri tutte le opportunità
iscriviti al progetto
Privacy Policy
Contact Form








×